Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

— Permette, sora Pia, che glie presenti
el signor De Bolè: — Tanto piacere...
— Piacere è il mio, se mettino a sedere...
— Per carità, nun faccia complimenti!

— De Bolè? Dica un po'? ma so' parenti
de quello ch'hanno fatto cavagliere?
— No, a Roma ci ho soltanto un zio droghiere
che tiene la bottega a li Serpenti...

— E lei che fa de bello? — E ch'ho da fare?
— Ho inteso dire dalle figlie mie
che scrive li sonetti... — Ma glie pare!...

— Sì, mi ricordo, al Pincio, una matina...
— Ah! è vero: feci certe porcherie
dietro el ventaglio d'una signorina...



Questa poesia è stata letta 746 volte