Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

A la Gallina, povera bestiola,
j'hanno ammazzato er Pollo. Un vecchio Gatto,
che s'è trovato ar fatto,
je porta la notizzia e la consola:
— Nun ha fiatato, nun ha detto un'a!
Da sì che monno è monno, nessun pollo
s'è fatto tirà er collo
co' tanta dignità. —

La vedova sospira e se commove:
— Chi è stato? er coco? Sempre quel'infame!
E dove me l'ha cotto? — Ner tegame,
co' le patate nove...
— Come mi' padre! Puro lui, 'st'inverno,
finì sopra un bracere de carbone,
che pareva un inferno...
— Macché: —je dice er Gatto — er mi' padrone
cià la cucina a gasse. E che cucina!
— Mbè, meno male — fiotta la Gallina —
che armeno j'hanno usato 'st'attenzione.



Questa poesia è stata letta 2243 volte