Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

Un Cane se scocciò che la Cornacchia
spadroneggiasse troppo ner cortile.
— Perché nun voli più sur campanile?
Ch'hai trovato? la pacchia?
Nun credo ch'er motivo principale,
che te fa restà qui, sia l'affezzione...
— No: — disse la Cornacchia — è er tu' padrone
che m'ha tajato l'ale.



Questa poesia è stata letta 1146 volte