Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

— Lei la lingua francese l'ha studiata?
— Un po'… — Ah! el francese è una parlata scicche:
lei infatti guardi le persone ricche
che ci hanno tutti quanti 'sta parlata...

— Ecco, io, a parlà me trovo un po' imbrogliata...
— Pur qua? — Purquà me manche la praticche...
— Il fottudiè de plù la grammaticche...
— Me muà... Lo vede? Già me so' sbagliata.

— Nel francese, se sa, ce so' l'accenti:
studi più meglio li vocabbolari,
e doppo parli senza complimenti...

— Che serve? Io me vergogno... — Ma bisogna
parlà come fo io, franco... — Magari!
Io invidio a lei che nun se ne vergogna!



Questa poesia è stata letta 1226 volte