Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

La Zebra passeggiava cór Cavallo
e je faceva er solito discorso:
— Io nun fo come te, che pe' la biada
te pieghi all'Omo che te mette er morso...
— Però me guida su la bona strada:
— je rispose er Cavallo — e ciò un controllo
semmai m'impenno e corro a scapicollo.
L'istinto, nu' lo nego, è bell'assai:
ma er giorno che ce manca ne la vita
un freno che lo regola, è finita.
Libberi, sempre; scatenati, mai!



Questa poesia è stata letta 914 volte