Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

Er Pastorello disse ar su' Padrone:
— Tu, nu' lo nego, parli bene assai
ch'è mejo a vive un giorno da leone
che cent'anni da pecora... Ma guai
se pure fra le pecore che ciai
pijasse piede quela convinzione!

— Certo: — fece er Padrone — e prega Iddio
che a quarche vecchio lupo nun je roda
de mette er muso ne l'ovile mio:
sennò, co' 'st'agnelletti che ciò io,
nun ce fanno restà manco la coda.



Questa poesia è stata letta 1087 volte