Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

Me scuserà che sto così sciattata,
signora mia, nun aspettavo gente:
lei tutta scicche, nu' glie dico gnente...
Come sta bene! Come s'è ingrassata!...

Chi? Caterina? Sta da mia cognata...
Lugrezzia? È andata a Messa, indegnamente...
Quando vengon'a casa, chi le sente?!
A sapello, l'avrebbero aspettata!

Se ne va? Me saluti la sorella...
Grazie. Sarà servita. Sissignora,
cercherò de venirce. Arivedella.

Oh! s'è rotta le cianche, si' ammaita!
Caterina, Lugrezzia, uscite fòra,
ché 'sta scoccia-stivali se n'è ita!



Questa poesia è stata letta 1245 volte