Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

Er vecchio Nano de la pantomima,
pe' comparì più grande e più importante,
se fece pijà in braccio dar Gigante:
ma diventò più piccolo de prima.



Questa poesia è stata letta 1503 volte