Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

LA GENEROSITÀ DER LEONE

Trilussa (Carlo Alberto Salustri)

Quanno la Vorpe vidde er Re Leone
incominciò a tremà da la paura,
ma fece finta ch'era l’emozzione.
Prova ne sia che disse: — Quante vorte
ho letto su li libbri de lettura
che sei 'na fiera generosa e forte!
Vicino a te me sento più sicura... —
A 'st'uscita er Leone, già in procinto
de dà' de guanto ar povero animale,
chiuse le varvolette de l'istinto.
— Vattene pure! — disse — Se nun t'odio,
nun c'è raggione che te faccia male.
Solamente vorrei che 'st'episodio
venisse pubblicato sur giornale...



Questa poesia è stata letta 1857 volte