Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

Eh? quant'è caro! Povera bestiola,
io me lo magno a furia de baciallo.
Pss, pss, micio, viè qua, brutto vassallo!
Guardate: nu' glie manca la parola?

Lui, quanno che la sera esco da scôla,
me viè incontro da sé senza chiamallo;
quann'ha freddo la notte, pe' sta' callo,
me s'intrufola sott'a le lenzola.

E mó? Guardate come se strufina...
Che vôi? la trippa? Sì, bello der core,
adesso te la dà la padroncina.

Io, che serve? 'sto povero miciotto
glie vojo un bene, un bene, che, se more...
lo scortico e ce faccio un manicotto.



Questa poesia è stata letta 1715 volte