Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

Un Barbone e un Lupetto
se so' trovati dar veterinario,
ne la sala d'aspetto.
— Me presento da me:
— dice er Lupetto, con un bell'inchino —
io so' quer cagnolino
che giorni fa cascò dal lucernario.
Me chiamo Pomponé...
— Pomponé; Ma perché — chiede er Barbone —
t'hanno messo quer nome forestiero;
Semo o nun semo? Dillo ar tu' padrone...
Io, come vedi, ciò la rogna, è vero,
ma me chiamo Nerone!



Questa poesia è stata letta 6014 volte