Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

— Che ne pensi de me? —
chiese un Lupo a l'Agnello.
Naturarmente, quello
se n'uscì con un beee...

— Spièghete mejo, sbrighete...
— Ah, — dice — no davero!
Me sento troppo debbole
pe' diventà sincero.



Questa poesia è stata letta 1328 volte