Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

Appena che spuntò l'arcobaleno,
la Tartaruga uscì, ma una fiumana
d'acqua piovana la rivorticò.
— Ce semo! — sospirò — Questa è la vita!
Ero la propietaria
d'una bella casetta, e so' finita
co' le zampe per aria! —

Come la vidde ruzzicà ner fosso,
una Ranocchia je strillò: — Lo vedi?
Sei schiava de la robba che possiedi:
campavi mejo senza pesi addosso.
Chi nun cià gnente, in fonno,
se ne frega de tutti:
in tempi belli o brutti
è padrone der monno.



Questa poesia è stata letta 1915 volte