Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

Cór venticello che scartoccia l'arberi
entra una foja in cammera da letto.
È l'inverno che ariva e, come ar solito,
quanno passa de qua, lascia un bijetto.
Jole, infatti, me dice: — Stammatina
me vojo mette quarche cosa addosso;
nun hai sentito ch'aria frizzantina? —
E cava fôri lo scialletto rosso,
che sta riposto fra la naftalina.

— M'hai conosciuto proprio co' 'sto scialle:
te ricordi? — me chiede: e, mentre parla,
se l'intorcina stretto su le spalle —
S'è conservato sempre d'un colore:
nun c'è nemmeno l'ombra d'una tarla!
Bisognerebbe ritrovà un sistema,
pe' conservà così pure l'amore... —
E Jole ride, fa l'indiferente:
ma se sente la voce che je trema.



Questa poesia è stata letta 641 volte