Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

Mattina

A la finestra der seconno piano
c'è una vecchietta quasi centenaria:
ma io nun j'intravedo che una mano:
una mano che trema e alliscia l'aria
come se accarezzasse le parole
d'una voce lontana e immagginaria:
finché se posa e se riposa ar sole.

Sera

— Che vecchietta simpatica e amorosa! —
ho detto a la portiera: e, incuriosito,
j'ho chiesto se sapeva quarche cosa.
Dice: — Quann'abbitava cór marito
assieme a tre nipote giovenotte
affittava le cammere... — Ho capito.
Allora bona notte... — Bona notte.



Questa poesia è stata letta 2232 volte