Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

LA SERENATA DE LE RANOCCHIE

Trilussa (Carlo Alberto Salustri)

A mezzanotte è incominciato er coro
de le Ranocchie verde, e tutte quante
strilleno la passione a modo loro
nascoste tra li sassi e tra le piante.
Un Ranocchione co' l'occhiali d'oro,
arampicato in mezzo a un galleggiante,
manna e dirigge con un fiore in mano
er gargarismo ch' esce dar pantano.

Co' chi ce l'hanno? Co' la Luna piena
che s'è agguattata in una nuvoletta,
tanto che se distingue ammalappena.
Vonno vedella, ma la Luna aspetta
che cresca er tono de la cantilena
perché la messinscena sia perfetta.
A la fine, decisa, se presenta,
saluta le Ranocchie e l'inargenta.

Doppo d'avé strillato Dio sa quanto,
la buriana finisce: er direttore
ha fatto segno de sospènne er canto.
— Un po' per uno! — dice; e manna er fiore
a l'Usignolo de la fratta accanto,
che trilla li stornelli de l'amore.
— È giusto. — dico — Un po' per uno! — E penso
ch'è un Ranocchione pieno de bon senso.

1940

Questa poesia è stata letta 1040 volte