Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

I

Sul portone

— Portiere? c'è nessuno? è compermesso?
Ce farebbe vedé l'appartamento?
— Mó l'accompagno, aspettino un momento...
(Le possino scannalle! Propio adesso!)

— Mariuccia, che ne dichi de l'ingresso?
Hai visto com'è fatto el pavimento?
Tutto in pietrine! — Dio ch'impazzimento!
— C'è scritto Salve ... E che sarà successo?

La scala è bella assai, ma è un'indecenza:
quanti pupazzi! quante zozzonate!...
guardate qua che straccio de schifenza!

Gesummaria! C'è tutto el repertorio...
Ma chi le scriverà 'ste vassallate?
— Li regazzini de l'educatorio.

II

In casa

Che? cento lire? Pe' l'amor de Dio!
Capisco ch'è 'na bella posizzione,
ma cento lire ar mese de piggione!...

Bisognerà che senta Nino mio.
In quanto a la grandezza va benone:
qui verrebbe la cammera de zio,
questa più ariosa me la pijo io,
là Checco, l'ottomana e er credenzone.

Qua er salottino. È esposto a mezzoggiorno
e cià er solaro co' la robba griccia
com'usa adesso e le battecche intorno.

'Sta cammeretta la darebbe a nonna,
e in quell'antra ch'è scura e un po' ummidiccia
ce se pô mette el letto de la donna.

III

Cose intime

— Chi ciabbita qua sotto? — Una biondina.
— È bona? — Antro ch'è bona! — E già, del resto,
el cavajere è un omo troppo onesto
per affittà la casa a 'na sgualdrina.

— Ciò piacere che il cesso stia in cucina...
L'acqua come ce va? — Se tira questo:
però l'antro inquilino, pe' fa' presto,
ce la metteva co' la conculina.

— Ce so' li bagarozzi? — Uh, nun sia mai!
— Come? e quello ched' è? Dio che peccato!
Questa è 'na cosa che me secca assai!

— Sì, ma lo vede? Cià la coda gialla.
Nun se ne piji: è un bagarozzo alato
che quanno vola è come 'na farfalla.

1899

Questa poesia è stata letta 1132 volte