Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

Un Sorcio, che correva a più nun posso
pe' nun fasse acchiappà da un Micio rosso,
s'intrufolò de dietro a un cassabbanco
dove c'era accucciato un Micio bianco.
Lì pure la scampò; ma verso sera
cascò fra l’ogne d' una Micia nera.
— Purtroppo, — disse allora — o brutta o bella,
la tinta cambia, ma la fine è quella.

1938

Questa poesia è stata letta 1752 volte