Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

Er vecchio Scimpanzè de la foresta,
pe' mette a posto li nemmichi sui,
se fece dittatore da per lui
e se n'uscì con un pennacchio in testa.

Chiamò le bestie e disse: — D'ora in poi
la penserete sempre a modo mio:
quello che vojo nu' lo so che io
e nun è er caso che lo dica a voi... —

Ma er Re Leone, pratico der gioco,
chiamò d'urgenza er Cane polizzotto.
— Che succede? — je disse — 'Sto Scimmiotto
è un dittatore che me piace poco...

Nun nego che sia furbo e che nun ciabbia
le bone qualità come animale,
però somija all'Omo a un punto tale
ch'è più prudente de schiaffallo in gabbia.

1938

Questa poesia è stata letta 1032 volte