Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

Er Re, finito er giro der castello,
chiese ar guardiano: — E dov'avete messo
quer Pappagallo che strillava spesso
«Viva la libbertà!», dietr'ar cancello?

Ancora me ricordo de la pena
che provò l'avo mio quanno l'intese;
s'interessò der fatto e a propie spese
decise d'allungaje la catena. —

Er guardiano rispose: — Ancora campa:
ma je s'è rotto er becco p'er motivo
ch'ogni tanto faceva er tentativo
de levasse l'anello da la zampa.

Mo' sta avvilito, povera bestiola,
e ogni vorta che chiacchiera, s'ingrifa:
invece de di' «viva» dice «fifa»...
e 'r rimanente je s'incastra in gola.

1936

Questa poesia è stata letta 3437 volte