Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

LA VERGINELLA CON LA CODA NERA

Trilussa (Carlo Alberto Salustri)

C'era una vorta una regazza onesta
chiamata Annuccia, onesta a un punto tale
che spesso inciampicava pe' le scale
pe' nun volesse tirà su la vesta;
da questo immagginateve er tormento
ne le giornate che tirava vento.

Era un'esaggerata, ve l'ammetto,
ma queste qui so' favole e d'artronne
in quer tempo er pudore de le donne
incominciava da lo stivaletto;
invece, mó, principia dar ginocchio
e je finisce dove ariva l'occhio.

Però 'sta verginella casta e pura,
'st'esempio d'innocenza a tutta prova,
'sto specchio d'onestà, che nun se trova
nemmanco su li Libbri de Lettura,
per quanto fosse bona e fosse bella
era finita pe' restà zitella.

Perché ogni tanto, quanno un giovenotto
ciannava co' l'idea de fa' l'amore,
davanti a quelo straccio de pudore
pensava: — Quarche buggera c' è sotto:
sennò come se spiega 'sta vergogna?
che ciabbia, Dio ce libberi, la rogna? —

Successe che una sera un pretennente,
ch'era rimasto sempre a bocca asciutta,
disse che Annuccia, no, nun era brutta
ma la guastava un certo inconveniente,
perché l'aveva vista quarche vorta
dar bucio de la chiave de la porta.

Dice: — È per quello che nun l'ho sposata:
se tratta d'un difetto troppo grosso...
Immagginate un po' che sotto l'osso
cià una spece de coda intorcinata:
lunga, nera, pelosa e quer ch'è buffo
la punta je finisce con un ciuffo. —

E la notizzia, uscita dar caffè,
imboccò difilata un'osteria,
fece una capatina in farmacia,
a la Posta, ar teatro... finacché
Annuccia se chiamò da quela sera
«la Verginella con la coda nera».

Un giorno, mentre usciva dal lavoro,
trovò un signore che je sbarrò er passo
e se vidde davanti un omo grasso
che sorrideva co' li denti d'oro.
— Giacché — je disse — l'ho trovata sola,
permette che j'appunti una parola? —

Lì per lì, la regazza s'arintese:
— Per chi me pija? Vada via! — Ma, appena
fissò nell'occhi quela luna piena
co' li baffetti rossi a la cinese,
cominciò a ride... e se la donna ride
a la lunga nun va che se decide.

Infatti cambiò tono: — Abbia pazzienza:
ma capirà, che l'omo d'oggiggiorno,
qualunque donna vede, je va intorno,
fa er cascamorto, pija confidenza
e doppo je s'intrufola per casa
come l'amico drento la cerasa.

Ma, in fonno, lei, dev'esse un bonaccione...
— Oh! — fece lui — co' me pô sta' tranquilla.
— Come se chiama? — Tappo, pe' servilla...
— E che mestiere fa? — Sôno er trombone:
però, se è vero quello che si dice,
presto diventerò ricco e felice!

Nun è la prima vorta che da un danno
ce se ricava un certo tornaconto;
per questo je dichiaro che so' pronto
a sposalla, magari, drento l'anno:
anzi, se accetta, famo la frittata
a la svérta, così, cotta e magnata.

— Io — disse Annuccia — me la sentirei;
però vorrei sapé dove m'ha vista... —
Dice: — Jersera, giù dar farmacista,
quanno passò, discorsero de lei
e allora solamente seppi come
j'aveveno affibbiato un soprannome...

È vero o no l'affare de la coda?
— e ner di' questo la guardò de dietro —
è vero o no ch'è lunga più d'un metro,
che quanno esce da casa se l'annoda?
è vero o no ch'è stata una fattura
che je fece una strega, da cratura? —

Lei je stava pe' di': — Sor babbaleo,
qui nun ce stanno code, e in ogni caso
sur corpo mio, ch'è liscio come un raso,
nun c'è neppure l'anima d' un neo
e tutt'ar più ce trova un segno solo
prodotto da l'innesto der vajolo. —

Ma invece preferì de regge er gioco
pe' vede o no se je faceva effetto.
— Sì. — disse — È vero! Pensi! Che difetto!
— E quant'è lunga? — Un metro, pressappoco...
— Ma allora — strillò quello — è affare fatto!
Bisogna firmà subbito er contratto...

E mó je spiego come sta la cosa.
Mi' zio, che guadagnò più d'un mijone
co' la Donna barbuta der Giappone
detta Musmè, la Venere pelosa,
ha stabbilito de lasciamme erede
de tutta la fortuna che possiede.

Ma, dato che li sòrdi de mi' zio
vengheno da un fenomeno, m'ha scritto
che perderò qualunquesia diritto
se nun sposo un fenomeno pur'io.
Nun ce speravo più, ma a l'improviso
la coda sua m'ha aperto er Paradiso! —

Povera Annuccia, come intese questo,
capì che s'era messa in un pasticcio.
— E mó — pensava — come me la spiccio?
se chiede un soprallogo, come resto? —
Poi se riprese e sospirò: — Purtroppo
je devo confessa che c'è un intoppo.

La strega volle famme quer servizzio
perché restassi onesta: e se in trent'anni
nessuno m'ha veduta sottopanni
e ho aggito co' prudenza e co' giudizzio,
se, insomma, nun so' stata compromessa
lo devo più a la coda che a me stessa.

Però, la strega ha pure stabbilito
che, come premio a la fatica mia,
la coda metta l'ale e voli via
appena me la vede mi' marito;
perché l'onore è bello, ma nun regge
per chi se spoja in nome de la Legge. —

— Purché — rispose Tappo — se combini,
je garantisco de restaje accosto
coll'occhi chiusi e co' le mano a posto
finché nun riscotemo li quatrini:
ma me riservo, appena more zio,
de daje una guardata a modo mio. —

E pe' sfuggì da tutti li pericoli
pe' la bona riuscita de l'affare,
agnedero ar paese dove er mare
s'incanala in silenzio ne li vicoli,
mentre l'Amore insonnolito aspetta
le coppie che lo portino in barchetta.

1938

Questa poesia è stata letta 1601 volte