Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

Come s'intese tinticà lì sotto,
er Re de la Foresta, inferocito,
se fece uscì dall'anima un ruggito
pe' da' l'allarme ar Cane polizzotto.

Er Cane corse e j'abbastò un'occhiata
pe' vede una Lucertola agguattata.
Ma quanno se trattò de fa' l'inchiesta,
data la dignità che c'era in gioco,
siccome una Lucertola era poco
pe' fa' spavento ar Re de la Foresta,
s'inventò d'avé visto un Coccodrillo
e tutto quanto ritornò tranquillo.

1938

Questa poesia è stata letta 983 volte