Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

I

Uh, scusi, nu' l'avevo conosciuta:
lei sta benone... — E come vô che stia!
Doppo la sbiossa de la malaria,
pe' quanto ho fatto nun me so' riavuta.

— E 'sta pupetta? — È la nipote mia.
— Come? davero? Dio, com'è cresciuta!
— Presto, Mafalda, sbrighete, saluta,
diglie come te chiami, tira via...

— Mafalla... — E poi? — Mafalla ai suoi tommanni...
— Discorre co' 'na grazzia che innamora!
E adesso ch'età cià? — Nun ha cinqu'anni.

— Quant'è caruccia! — E avrebbe da vedella
quanno che vô rifà quarche signora,
come se tira su la vestarella!

II

Ha preso de la madre... guardi el naso..
E se sapesse come è inteliggente!
Fa la «Cavalleria» che, se la sente,
nun sbaja d'una nota! nun c'è caso!

Su, cantela, Mafalda, essi ubbidiente...
— «E su la potta tua lo sangue spaso
si nun ce tovo a tia manco ce taso... »
— Ma sa che la fa bene veramente?...

— Nun ce se crede quanto è giudizziosa,
come risponde bene a le domande:
ce provi un po'... glie chieda qualche cosa...

— Vôi bene a nonna? — Tanto! — E a mamma?
[— Sì.
— E, dimme, che vôi fa' quanno sei grande?
— Dillo, Mafalda... — Voglio fa' pipì...



Questa poesia è stata letta 1940 volte