Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

Un Piccione, che stava su la sua,
sentì che un Pollo lo chiamò fratello.
— Abbada come parli, — fece quello —
ch'io nun so' mica de la razza tua!

Devi pensà che un Antenato mio
scese dar celo du' mil'anni fa...
Ma tu, da dove venghi? — E chi lo sa?
— rispose er Pollo — Cià pensato Iddio.

Der resto, lassa fa': tutto er pollame
passa pe' la medesima trafila:
a me, me butteranno ne la pila,
a te, te schiafferanno ner tegame.

1939

Questa poesia è stata letta 1702 volte