Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

Un Leone ruggiva sottovoce.
Er Domatore, appena se n'accorse,
— Che fai? — je chiese — Forse
nun te la senti più d'esse feroce?
— Macché! — fece er Leone — Me riposo
perché so' stracco d'esse generoso.



Questa poesia è stata letta 1359 volte