Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

In cammera da letto, sur soffitto,
c'è dipinta una Venere che dorme,
Apollo nudo, Marte in uniforme
accosto a un Bacco che nun sta più dritto
e a cavacecio d' una nuvoletta
l'Amore che je tira una saetta.

La pittura era antica, ma da un anno
è diventata quasi futurista
pe' via ch'er lavandino der dentista,
ch'abbita sopra a me, faceva danno,
e a furia de patacche e sbavature
m'ha scombinato tutte le figure.

Venere stessa nun s'ariconosce,
l'Apollo m'è rimasto senza lira,
l'Amore fa la mossa ma nun tira
e Marte cià tre bozzi su le cosce.
Se l'è cavata Bacco solamente
e in questo l'acqua è stata inteliggente.

E mó, come me svejo la matina,
ripenso a 'ste figure e me ciaccoro,
perché li confidavo solo a loro
li sogni che facevo a la supina,
quanno m'immagginavo che la vita
fosse una strada commoda e pulita.

E allora fumo. Fumo finattanto
che me resta la cammera annebbiata:
ogni illusione persa è una boccata
ch'esce con un sospiro de rimpianto,
e sento quasi l'inutilità
de quer ch'è stato e quello che sarà.

Ma appena che intravedo er dio der vino
ch'arza er bicchiere e ride come un matto,
scivolo giù dal letto e dettofatto
spalanco la finestra der giardino,
e mentre guardo er fumo che va via
me bevo er sole e m'empio d'allegria.



Questa poesia è stata letta 1372 volte