Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

— Che succede laggiù? fanno li giochi?
— chiedeva er Pettirosso a la Beccaccia —
È tanta, ormai, la gente che va a caccia
che daje e daje resteremo in pochi.

— Embè, che ce vôi fa'? Nun c'è riparo!
— rispose la Beccaccia — Capirai,
oggi de schioppi ce ne stanno assai
e c'è un fottio de porvere da sparo.

Bisogna pazzientà fin'ar momento
che quarche legge nun distinguerà
chi ce fucila per necessità
da chi ciammazza pe' divertimento.

1939

Questa poesia è stata letta 775 volte