Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

LE SCAPPATELLE DE LA SIGNORA

Trilussa (Carlo Alberto Salustri)

I

Le confidenze con la cameriera

— L'hai visto? ciai parlato?... — Sissignora.
— Te piace? — Che bel giovane! — E ch'ha detto?
— Che l'aringrazzia tanto der bijetto
e che l'aspetta a casa tra mezz'ora.

— Ma Pippo che dirà s'esco abbonora?
Co' quello lì, lo sai... basta un sospetto...
— Metta una scusa... — Eh, sì! Che scusa metto?
— Je dica ch'ha d'andà da la sartora...

Tanto, pe' stammatina, lui nun esce,
dice ch'è raffreddato: stia tranquilla.
— Lo so, ma se s'inquieta me rincresce...

Eccolo!... Zitta!... Pe' l'amor de Dio!...
... Pippo? sei tu?... Che vôi la camomilla?...
Adesso te la faccio, cocco mio...

II

A casa di lui

— Carlo! Non ce volevi altro che te
pe' farme fa' 'sto passo! — Amore santo!
— Come sei caro!... — Me vôi bene?... — Tanto!
Me sento... — Che te senti? — Un non so che...

Guarda come so' pallida!... — E perché?...
— Eh! l'emozione... capirai... per quanto...
Poi c'è el tenente ch'abbita qui accanto
che se m'ha visto a entrà, povera me!

Per mio marito, sai, non crede mica...
— Ah! glie vôi bene!... — Non glie voglio male,
ma per lui, più che moglie, glie so' amica.

Purtroppo, el tipo mio non era quello...
— Io, invece?... — Ah! tu sei proprio l'ideale!
— Grazie, tesoro! Levete el cappello...



Questa poesia è stata letta 1277 volte