Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

Nerone aveva chiesto ar Generale:
— Che penseno de me? Vorrei sapello.
Dicheno che so' brutto o che so' bello?
Dicheno che fo bene o che fo male?

Siccome in fonno nun ce vedo chiaro,
cerca de bazzicà quarch'osteria... —
Quello rispose: — Sì, pe' parte mia
me posso travestì da carbonaro.

Vado, bevo un goccetto, faccio er tonto,
je reggo er gioco, je do spago eppoi
a mezzanotte torno qui da voi
a favve tuttoquanto er resoconto. —

E, lì, se tinse er grugno de carbone,
se messe una giaccaccia e serio serio
agnede a l'osteria der Cazzimperio
framezzo a li gregari de Nerone.

— Bottega! — dice — Mezzo litro asciutto! —
E locco locco se pijò una sedia,
se guardò intorno, fece la commedia,
finse d'appennicasse e intese tutto.

Tornò a la Reggia ch'era mezzanotte.
— Embè? — chiese Nerone — che se dice?
Racconta... Com'annamo? — A burr'e alice!
La gente magna, beve e se ne fotte...

Data, però, la folla così enorme,
quarche scontento... veramente c'era...
Sciocchezzole, lo so... Ma un'antra sera
è mejo ch'io ce vada in uniforme...

— Va' là! — strillò Nerone — e fila dritto!
Se t'amanca er coraggio, come pare,
de parlà franco e di' le cose chiare,
abbi la furberia de statte zitto.

1942

Questa poesia è stata letta 2401 volte