Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

Uno Sparviero aveva preso un Tordo.
— Perché me vôi fa' male?
— je strillava l'ucello — Me ricordo
che un giorno pure l'Aquila reale
me prese e me lasciò.

— Ma quella è la Reggina de l'ucelli:
— rispose lo Sparviero — e una Reggina
se mette in vista co' li gesti belli.
Invece, io, se fo 'sta bona azzione,
resto sempre un ucello de rapina
e perdo una bellissima occasione.

1931

Questa poesia è stata letta 797 volte