Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

Un Lupo, che scannò cinque Capretti
in poco meno d'una settimana,
riunì tutti l'amichi ne la tana
per uno de li soliti banchetti.

Fra l'invitati c'era pure un Micio
che magnava in silenzio. — E tu che fai?
— je chiese er Lupo — che nun ridi mai,
manco se te costasse un sacrificio?

Invece de sta' tutti in allegria
te ne rimani lì come un salame...
— Io — disse er Micio — magno perché ho fame
ma nun festeggio la vijaccheria.

1938

Questa poesia è stata letta 2180 volte