Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

Er Re s'era affacciato tra l'evviva
e salutava tutti co' la mano.
— È impressionante! — disse er Ciambellano —
Guardi laggiù la gente dov'ariva!

Io credo che una folla così immensa,
co' 'st'entusiasmo, nun s'è vista mai! —
Er Sovrano rispose: — Strilla assai...
Però vorrei sapé come la pensa.

1938

Questa poesia è stata letta 1891 volte