Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

De tanto in tanto me ritorna in mente
un vecchio che veniva a casa nostra,
un vecchio che rideva con un dente:
j'era rimasto quello solamente
e lo teneva in mostra.

Quanno ce chiacchieravo m'aricordo
che me dava raggione in tutto quanto
perché nun m'accorgessi ch'era sordo;
qualunque buggiarata raccontavo,
diceva: — Bene! Bravo!
Giustissimo! D'accordo! —
E soddisfatto se n'annava via
co' quela risatina permanente,
co' quelo scampoletto d'allegria.

Pur'io, da un po' de tempo, me so' accorto
d'esse duro d'orecchie, dar momento
ch'approvo certe cose che nun sento
e do raggione a tanti ch'hanno torto.
Pur'io je dico: — È vero! È naturale!
La penso tale e quale!... —

Ma ciò sempre a bon conto
un sorisetto pronto.

1940

Questa poesia è stata letta 1647 volte