Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

I

Prova cór senatore:
— fece la zia — chi sa?...
È un vecchio porco, ma
in fonno cià bon core;

vacce, Maria, va' là...
L'onore? Eh, sì, l'onore!
Se torna l'esattore
je damo l'onestà?

Der resto, cara mia,
bisogna che t'industri:
vacce, dà' retta a zia... —

Marietta sospirò...
Ma poi, coll'occhi lustri,
rispose: — Cianderò.

II

Er vecchio, ner vedella,
disse: — Me piaci assai!
E, dimme, hai fatto mai...
— Mai! — je rispose quella.

— E adesso ch'età ciai?
— Quindici... — Bagattella!
Ma allora, figlia bella,
non voglio... capirai...

Col posto che ciò io,
no... non potrei... va' pure:
so' un galantomo... Addio. —

Poi disse: — Fossi matto!
So' sempre seccature,
me ponno fa' un ricatto...



Questa poesia è stata letta 1182 volte