Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

Fra Micchele, filosofo sincero
che da tant'anni predica ar deserto,
pe' nun scoccià più l'anima ha scoperto
un tabbacco ch'accommoda er pensiero.

Chi cià quarche ideale, e sur più bello
s'accorge che j'impiccia e che je pesa,
er frate j'offre subbito una presa
e er tabbacco je scarica er cervello.

— Come sarà — je chiesi jerissera —
che in certe cose nun ve dò raggione?
— Io te consijo de cambià opinione... —
rispose er frate. E aprì la tabbacchiera.

1937

Questa poesia è stata letta 985 volte