Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

Com' entrò ne la gabbia der Leone
la Domatrice lo guardò nell'occhi:
— Se appena vedi a me nun t'inginocchi,
quann'è l'ora der pasto, addio porzione! —

A 'st'uscita er Leone arrotò l' ogna:
— Nemmeno — disse — se me copri d'oro
Se vôi che t'ubbidisca co' decoro
nun me devi insegnà d'esse carogna.

1937

Questa poesia è stata letta 644 volte