Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

ER NANO ORMÈ, LO SPIRITO FOLLETTO

Trilussa (Carlo Alberto Salustri)

Spesso la sera quanno vado a letto,
appena smorzo el lume e chiudo l'occhi,
m'accorgo dar rumore de li scrocchi
ch'è uscito Ormè, lo Spirito Folletto,
pe' famme com'ar solito un'inchiesta
su quello che me passa pe' la testa.

Che muso ciabbia Ormè nun posso dillo
perché nun se fa vivo che a lo scuro;
in mente mia, però, me lo figuro
uguale ar Nano toppacchiolo e arzillo
che intravedevo fra la veja e er sonno
s'un vecchio paralume de mi' nonno.

Che sia lui stesso lo dovrei presume
da un occhio che je schizza una favilla,
l'occhio che je cecai con una spilla
quanno correva intorno ar paralume,
e forse è co' quer razzo che me spia
ner labirinto de la fantasia.

Così, stanotte, che ripenso ar Nano
con una spece de presentimento,
come appizzo l'orecchie, me te sento
la credenza che scrocchia a tutto spiano
e scopro Ormè dedietro a un razzo d'oro
che m'incomincia subbito el lavoro.

Me scova li ricordi più lontani,
discute a tu per tu co' li pensieri,
da le minchionerie ch'ho dette jeri
a quelle, spero, che dirò domani,
e cerca e scopre e giudica e s'informa
che idee ciò in mente prima che m'addorma.

Ecco perché stanotte me fa vede
tutte le cose che pijai sur serio
quanno guardavo er monno cór criterio
che la gente parlasse in bonafede,
comprese l'immancabbili illusioni
che m'insognavo ne li tempi boni.

Le riconosco subbito, purtroppo:
ma nun so' più né gioveni né belle;
passa la Libbertà co' le stampelle,
passa la Fratellanza co' lo schioppo,
vicino a quela povera Uguaglianza
che cià er compasso su la parannanza.

Ecco la Verità co' la mordacchia
fra quelli che je soneno la tromba;
la Pace che, in mancanza de colomba,
s'è fatta rimorchià da la cornacchia;
ecco la Civirtà con un lumino
in cerca der rifuggio più vicino.

Passa la Carità co' la Giustizzia...
Ma nun so più se dormo o se sto svejo:
le vedo un po' confuse... Sarà mejo
ch'aspetti un'occasione più propizzia...
Infatti puro er Nano pe' prudenza
s'agguatta ne la solita credenza.

1942

Questa poesia è stata letta 1734 volte