Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

Appena entrò ne la foresta vergine
er Professore de filosofia,
tutte le scimmie scesero dall'arberi
co' l'intenzione de cacciallo via.

Ma l'Omo disse: — No, nun è possibbile
che torni a fa' er filosofo davero
in una società piena de trappole
dove l'Azzione buggera er Pensiero.

Oggi, quelo che conta so' li muscoli:
co' la raggione nun se fa un bajocco...
Mejo le scimmie! —
E er povero filosofo
s'arampicò su un arbero de cocco.

1940

Questa poesia è stata letta 1230 volte