Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

Parla Cencio er porta-ceste

I

Ho bazzicato li caffè concerto:
portanno le canestre a le cantante,
sor cavajere mio, n'ho viste tante!
Se sapesse le cose ch'ho scoperto!

Le stelle? le conosco tutte quante.
Ce spizzico, ciabbusco, me diverto...
Ogni tantino capita l'incerto...
Già: incertarelli da caffè sciantante!

S'uno me chiede: — Indove sta la tale? —
io je lo dico come dico a lei
dov'abbita Zazzà... Che c'è de male?

Sta ar Corso... Embè? pe' questo fo er mezzano?
Nummero... oh, Dio ne guardi! trentasei...
Ciamancherebbe questa!... primo piano.

II

La todesca che canta le canzone,
jersera, spasseggianno tra le quinte,
trovò er pajaccio co' le labbra tinte
de biacca, de rossetto e de carbone.

Cominciorno a ruzzà: lui co' le spinte,
lei co' le ventajate... In concrusione
s'abbraccicorno, e lui, cor un bacione,
je stampò in bocca le du' labbra finte.

In quer momento arrivò er conte, quello
cór vetro all'occhio; lei tutta smorfiosa
annò pe' daje un bacio scrocchiarello.

Er conte, alegro, je se buttò in braccio,
baciò la bocca a quela scivolosa...
e restò co' l'impronta der pajaccio.

III

Er sotto-panni? È tutto! Una sciantosa,
p'avé successo ne le canzonette,
s'arza la vesta, fa le pirolette...
Lei me dirà ch'è troppo scannalosa...

Ma puro 'na signora, quanno sposa
j'espone le mutanne, le carzette,
perfino le camice che se mette...
Bè'? su per giù, nun è la stessa cosa?

Ch'avrebbero da fa'? Sarebbe bella!
Da noi, solo la Sgrulli, ch'è 'n'artista,
porta le veste longhe: solo quella!

S'è onesta? Peggio! Cià le gambe storte:
naturarmente fa la romanzista
pe' nun portà le vestarelle corte.

IV

A vedella cantà co' quer vestiario
pare la donna più sentimentale...
Ma si sapesse! È 'na zozzona tale!
L'avrebbe da vedé dietro ar sipario!

Jeri, ner liticà co' l'impresario
doppo d'avé cantato l' Ideale ,
fece un rumore co' la bocca... eguale
a un bacio che viè dato a l'incontrario.

A che serve d'avé le labbra belle
e li denti più bianchi de l'avorio,
se poi ce scrocchia certe pappardelle?

Io nun so come nun se ne vergogna!
Un regazzino d'un educatorio,
a petto a lei, diventa 'na carogna.

V

E questa, poi, me la ricorderò
infin che campo. Un giorno un attascè,
all'ora de le prove, je portò
un ber mazzo de giji e de pansé.

Lei se n' agnede a casa, e azzecchi un po'
dove diavolo messe quer bocchè?
Co' rispetto parlanno, lo posò
drento la cunculina der bidè.

— Ma come? er fiore de la castità
— je dissi io, perché je do der tu —
lo metti a mollo come er baccalà?

Propio là drento! — Lei rispose: — Sì:
intanto ar giorno d'oggi, su per giù,
tutta la poesia finisce lì.

VI

La madre? È 'na madraccia senza core
che mette a l'asta pubbrica la fìja:
e la spigne, e j'insegna, e la consija
pe' potè speculà sur disonore.

Un giorno l'acchiappò con un signore:
— Ah! — fece lei — me faccio meravija!
L'onore! l'avvenire! la famija!...
Je do querela! Vado dar questore! —

Ma doppo, co' l'ajuto de l'aggente,
che puro quello è un mezzo rucco-rucco,
fu combinato reciprocamente.

L'onore? la famija? l'avvenire?...
'Sta birbacciona fece un patto stucco:
tutto compreso, quattrocento lire.

VII

Quella der primo nummero l'ho vista
ch'entrava da Carlotta a via Rasella;
e, sa, 'na visituccia fatta a quella
pô immagginasse bene in che consista!

'Sta donna, ch'è piuttosto attempatella,
vent'anni fa faceva la corista;
mó affitta: affitta sempre a quarche artista
che j'aricorda un'epoca più bella.

Nun pô sbajà: siccome è assicurata
contro l'incendi, lei vedrà per aria
una placca de latta imbollettata.

Però, co' tutta l'assicurazzione,
co' tutto che c'è scritto la Fondiaria,
ogni tanto j'abbruceno er pajone.

VIII

La cantante a dizzione s'è incocciata
de nun volé cantà cór rifrettore:
lei dice che co' tutto quer chiarore
j'arimane la vista sbarbajata.

Ma invece c'è un motivo più maggiore!
'Na raggione più seria! S'è invecchiata!
Ha voja a mette l'acqua ossiggenata,
ha voja a impiastrucchiasse cór colore!

Eppoi la donna è come li cavalli:
l'età je se conosce da li denti:
a quarant'anni so' un pochetto gialli,

poi scuretti, poi neri, e piano piano
j'aritorneno bianchi arilucenti...
a casa d'un dentista americano.

IX

La vedo spesso quanno che se specchia
ner cammerino prima d'entrà in scena...
Povera donna! quanto me fa pena!
Jeri me disse: — Eh, Cencio mio, s'invecchia...

— Ma come? — dico — avrà trent'anni appena,
e una donna, a trent'anni, nun è vecchia:
nun se metta 'ste purce pe' l'orecchia... —
Dice: — Ma guarda! Paro ' na balena!

Pur'io so' stata bella! bella assai! —
Dico: — Lo credo. — Dice: — E che cantante!
Eh, Cencio mio, nun me credevo mai

finì la vita in un caffè-concerto,
io, che so' stata amica d'un regnante... —
A chi alludeva? Forse a Carlo Alberto.



Questa poesia è stata letta 3757 volte