Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

Re Bomba era severo, ma in compenso
quanno vedeva Picchiabbò er buffone,
un vecchio Nano pieno de bon senso
e sincero secondo l'occasione,
incominciava a ride e er bon umore
riusciva sempre a intenerije er core.

Er Re, una notte, propio sur più bello
che s'era scatenato un temporale,
strillava: — Qua finisce in un macello!
in un acciaccapisto generale!
A me la spada! A me er cimiero! Alé!
La corazza, lo scudo! Tutto a me! —

Ammalappena Picchiabbò s'accorse
che discoreva solo come un matto,
je chiese: — Sire, a che ripensi? forse
a quer discorso storico ch'hai fatto
quanno li cortiggiani hanno saputo
che un sorcio ha rosicato lo Statuto?

— Ma che Statuto! La questione è seria:
se tratta invece d'affrontà er nemmico! —
disse er Sovrano: e doppo un'improperia
se dette una tirata ar pappafico;
ché er Re faceva sempre quela mossa
quanno capiva de sparalla grossa.

— Sappi — je disse poi — che stammatina
un'Ape ch'era entrata ne la serra
ha dato un bacio in bocca a la Reggina!
Nun c'è gnente da fa': ce vô la guerra!
Vojo che tutte l'Ape a mille a mille
venghino trapassate da le spille.

Purché nun piova troppo o tiri vento
domani stesso parlerò a la folla
su la portata de l'avvenimento
e la farò scattà come una molla!
L'ora è solenne: è bene ch'er Paese
s'armi, combatta e vendichi l'offese! —

La prima idea che venne in mente ar Nano
fu quella de parlaje chiaramente;
voleva dije: «Sire, vacce piano:
guardamo se c'è tutto l'occorente,
ché spesso nun se pensa e nun s'abbada
che li nemmichi crescheno pe' strada.

L'Ape so' tante, più de quer che pare:
e se domani fanno un'alleanza
co' le Mosche, le Vespe e le Zanzare,
un'incursione sola basta e avanza;
ché tra pizzichi e mozzichi in du' botte
ce fanno un grugno come un' or' de notte.

Eppoi ce stanno le materie prime:
perché se l'Ape nun ce manna er miele
chi fa li pasticcetti der reggime?
E se manca la cera? Addio candele!
Er popolo rimane de sicuro
a bocca asciutta e perdeppiù a lo scuro.

Tu, che studi le cose a tavolino
e vedi tutto chiaro e tutto tonno,
piji l'abbonamento cór destino
spalanchi la finestra e parli ar monno,
ma appena la richiudi e te ritiri
cominceno li lagni e li sospiri.»

Er Nano, invece, se ne stette zitto,
e da bon diplomatico com'era
je disse: — Sire, sei ner tu' diritto.
Nun te scordà, però, che a primavera,
se l'Ape vede un fiore, je va addosso
e lo succhia e lo lecca a più nun posso.

E dove c'è 'na rosa profumata
mejo de la Reggina? nu' la senti
che quanno passa lascia la passata
da fa' scombussolà li sentimenti?
L'Ape ch'avrà sentito quel'odore
ha pijato la bocca per un fiore. —

A 'st'uscita Re Bomba perse er fiato,
e queli stessi muscoli der viso
che prima lo teneveno inciurmato
spianarono le rughe a l'improviso,
e fu in quer gioco de fisonomia
che ritornò la pace e l'allegria.

— 'Sta vorta tanto, ne faremo a meno... —
disse er Sovrano, e s'affacciò a la loggia.
Guardò per aria: er celo era sereno.
La luna, rinfrescata da la pioggia,
rideva più der solito e le stelle
pareveno più limpide e più belle.

1942

Questa poesia è stata letta 2114 volte