Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

Quela Vecchietta ceca, che incontrai
la notte che me spersi in mezzo ar bosco,
me disse: — Se la strada nu' la sai,
te ciaccompagno io, ché la conosco.

Se ciai la forza de venimme appresso,
de tanto in tanto te darò una voce
fino là in fonno, dove c'è un cipresso,
fino là in cima, dove c'è la Croce... —

Io risposi: — Sarà... ma trovo strano
che me possa guidà chi nun ce vede... —
La Ceca, allora, me pijò la mano
e sospirò: — Cammina! —

Era la Fede.

1942

Questa poesia è stata letta 1078 volte