Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

Un Cane e un Gatto, per un anno e passa,
aveveno rubbato giù a man bassa
pe' tutte l'osterie de la città.
Meno quarche infortunio sul lavoro
annaveno d'accordo fra de loro
come succede in tante società.
Ma un giorno che magnaveno un preciutto,
er Cane c'ebbe, forse pe' prudenza,
una de quele «crisi de coscenza»
che vanno adesso e che so' bone a tutto.
— No, — disse — me ne vado. È disonesto
che un amico dell'omo faccia questo!
È un ber pezzetto che te reggo er sacco;
nun vojo che me resti 'sta nomea... —
Er Micio je strillò: — Brutto vijacco!
Hai tradito l'Idea! —
E ognuno espose l'opinioni sue
sur modo o no d'esse fedele ar patto;
però chi aveva torto? er Cane o er Gatto?
o aveveno raggione tutt'e due?



Questa poesia è stata letta 1046 volte