Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

—Perché — chiese la Vorpe ar Re Leone —
avete messo un Lupo a la Giustizzia?
Pe' le Pecore è un guajo, e la notizzia
j'ha fatto una bruttissima impressione:
ché er Lupo, quanno batte la campagna,
tante ne vede e tante se ne magna.

— È inutile che fai l'umanitaria,
— je rispose er Leone — ché a la fine
tu sai quer ch'hanno detto le Galline
quanno t'ho nominata fiduciaria...
Se un Re guardasse er sentimento interno
de chi ariva ar potere, addio Governo!

1944

Questa poesia è stata letta 1244 volte