Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

ER PRINCIPE RIVOLUZZIONARIO

Trilussa (Carlo Alberto Salustri)

Parla er cammeriere

I

Collarino fa li discorsi, ciacconsento,
è rivoluzzionario e te l'ammetto:
ma quanno che nun parla cambia aspetto,
diventa de tutt'antro sentimento.

È a casa che succede er cambiamento:
povero me, se manco de rispetto!
o se ner daje un fojo nu' lo metto,
come vô lui, ner gabbarè d' argento!

T'abbasti questo: quanno va in campagna
a fa' le conferenze ner comizzio
la moje sua la chiama: la compagna.

La compagna? Benissimo: ma allora
perché co' le persone de servizzio
la seguita a chiama: la mia signora?

II

Perché la sera me se mette in fracche,
eppoi, quanno minchiona er proletario,
s'ammaschera cór solito vestiario
tutto sciupato e pieno de patacche?

E, a parte er cambiamento de le giacche,
come farà l'anarchico incendiario
lui ch'ar petrojo rivoluzzionario
ha preferito sempre un bon cognacche?

Prèdica tanto bene l'eguaglianza,
ma si sapessi come è disuguale
quanno se tratta de riempì la panza!

Io me n'accorgo quanno magna er pollo:
lui se pappa le cosce, er petto e l'ale,
e a me me resta la carcassa e er collo!

III

Se parla presto de rivoluzzione,
se dice facirmente: scioperate,
quann'uno cià le cammere montate
co' tanto de tappeti e de portrone!

Ma quanno scoppierà la ribbejone
che faranno sur serio a schioppettate,
scommetto che pe' fa' le bancate
der suo nun je dà manco un credenzone!

Pur'io so' socialista, ma nun vojo
la propaganna rivoluzzionaria
da chi è tranquillo drento ar portafojo!

Da chi consija de mannà per aria
la società borghese cór petrojo
perché s'è assicurato a la Fondiaria!

IV

Pe' fa' 'sti fatti nun ce vonno mica
le mano lisce co' l'anelli d'oro,
ma le mano infocate dar lavoro
de la povera gente che fatica;

quele mano che cianno la vescica
pe' fa' un guadagno che nun è mai loro:
ecco chi tajerà la testa ar toro
senza che er mi' padrone je lo dica!

Saranno un giorno queli disgrazziati
che la faranno veramente, stanchi
d'esse rimasti sempre cojonati;

ma no li socialisti in guanti bianchi
che me fanno l'apostoli, invortati
ne le pellicce de tremila franchi!

V

La bona fede der lavoratore
nun va trattata come un giocarello:
perché lì, dice bene come quello,
quer che ciò su la bocca ciò ner core.

Lo so da me ch'er socialismo è bello:
ma quanno me lo predica er signore
che nun conosce solo che er sudore
de le feste da ballo, me ribbello!

Io, spesso, raggionanno cór padrone,
cerco de dije ch'ha sbajato piano,
ché in questo nun cià troppa vocazzione...

Ma lui s'inquieta, e sai che ce guadagno?
Ch'ogni tanto me dà der ciarlatano,
credenno de parlà con un compagno!



Questa poesia è stata letta 1285 volte