Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

Lo vedete Ggesú, ssore madame?
Nasscé ccome le bbestie in ne la pajja:
Doppo cor un martello e una tenajja
Je toccò a llavorà dda faleggname.

Da ggiuvenotto annò mmorto de fame
A ppredicà er Vangelio a la canajja:
Poi da omo je messeno la tajja
P’ er carciofarzo de cuer Giuda infame.

E li larschi, e le spine, e la condanna,
E li chiodi, e li schiaffi, e cquella posca
Che jje mannorno in bocca co la canna!…

Inzomma tutto su cquell’ossi sagri:
Epperò c’è ’r proverbio c’oggni mosca
Va ssempr’addosso a li cavalli magri.

19 gennaio 1832

Questa poesia è stata letta 420 volte