Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

L’OMMINI DER MONNO NOVO

Giuseppe Gioacchino Belli

Questo dallo a d’intenne ar padre Patta
Quello che disce: Vienite davanti.
Lo so dda mé cché cce sò ttanti e ttanti
Che nun vonno iggnottí la pappa fatta.

Ma st’anime de miccio, sti fumanti,
Sti frammasoni, sta ggentaccia matta,
Li spadini li tiengheno de latta:
Sò bboni a cciarle, ma nnò a ffasse avanti.

La bballa de sti poveri cardei
Vò scopà li soprani e ffalli fori
Pe ddí poi sscirpa e ffà le carte lei.

Ma ppòi puro risponne a sti dottori
Che Iddio l’ommini, for de scinqu’o ssei,
Tutti l’antri l’ha ffatti servitori.

19 gennaio 1832

Questa poesia è stata letta 1317 volte