Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

T’aricordi quer prete cajellone
C’annava pe le case a ffà le scòle,
Cor una buttasú dde bborgonzone
E cqua ssur canterano du’ bbrasciole?

Che sse vedeva co le su’ stajole
A ’ggni morto che ddassi er moccolone?
Che annava a ppranzo all’Osteria der Zole,
E nnun spenneva mai mezzo testone?

Bbe’, l’hanno trovo jjeri a cquer rampino
Che jj’arreggeva er Cristo accap’alletto,
Impiccato pe un laccio ar collarino.

E vva’ cche smania aveva a sto ggiuchetto,
Ch’er giorn’avanti, pe rricordo, inzino
Ce s’era fatto er nodo ar fazzoletto.



Questa poesia è stata letta 641 volte