Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

M’ha ddetto er zotto-coco der Marchese
Che cquer zervo-de-ddio der Cardinale
Che cce pranzava trenta vorte ar mese,
E annava oggni tantino all’urinale,

Cuer giorno c’annò a ffà le sette cchiese
Se maggnò ccinque librre de majale:
E a mmezzanotte te je prese un male
Senza poté ccapí ccome je prese.

Presto du’ preti la matina annorno
A ffà esscí er Zagramento e ddí orazzione
Pe ttutti li conventi der contorno.

A sta nova la mojje der padrone,
Che svejjonno abbonora a mmezzoggiorno,
Ce se fesce pijjà le convurzione.

22 gennaio 1832

Questa poesia è stata letta 527 volte