Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

PARLA MARIA, LA SERVA...

Trilussa (Carlo Alberto Salustri)

I

Pe' cento lire ar mese che me dànno
io je lavo, je stiro, je cucino,
e scopo, e spiccio, e sporvero, e strufìno
che quanno ch'è la sera ciò l'affanno.

Poi c'è er pranzo, le feste, er comprianno,
e allora me ce scappa er contentino
che m'ho da mette puro er zinalino
p'aprì la porta a quelli che ce vanno!

E avressi da sentì che pretenzione!
Co' 'na libbra de carne, hai da rifrette
che ciò da fa' magnà sette persone!

Sai che dice er portiere? Ch'è un prodiggio!
Perché pe' contentalli tutti e sette
bisogna fa' li giochi de prestiggio!

II

Pe' cacciaje un centesimo, so' guai!
Com'è tirata lei, se tu la senti!
Dice: — Tre sòrdi un broccolo? Accidenti!
Dodici la vitella? È cara assai! —

Ma l'antro giorno che ce liticai
je l'ho cantata senza comprimenti;
dico: — Che cià in saccoccia? li serpenti?

Gente più pirchia nu' l'ho vista mai! —
Lei, dico, m'arifila li quatrini
solo sur da magnà, ma spenne e spanne
p'annà vestita in chicchere e piattini:

se mette le camice smerlettate,
s'infila li nastrini a le mutanne
e strilla pe' du' sòrdi de patate!

III

Tu me dirai: — Va bè', ma che t'importa?
Armeno magni, dormi e stai benone... —
Eh, fija! Si tu stassi in un cantone
diressi che sto bene quarche vorta!

Dormo in un sottoscala senza porta,
e, quanno ch'è la sera, quer boccone
nemmanco me va giù! Me s'arimpone!
che voi magnà! Me sento stracca morta!

Questo sarebbe gnente! Cianno un core
che, doppo che me strazzio tutto l'anno,
nun vonno che me metta a fa' l'amore!

Dice: — La serva la volemo onesta... —
Eh già! Pe' cento lire che me dànno!
Povera me! Ce mancherebbe questa!



Questa poesia è stata letta 1491 volte