Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

Tu ssai dov’è Ssan Nicola in Narcione:
Bbe’, a la svortata llí der Gallinaccio
Er cavallo je prese un scivolone,
Turutúffete, e llui diede er bottaccio.

Ecco si cche vvor dí mmontà un sturione,
Mette la vita in mano a un cavallaccio:
Coll’antri è annato via sempre bbenone:
Co cquesto è ito ggiú ccom’uno straccio.

Restò ggelato, povero Cammillo!
Ce s’incontrò er decane de Caserta
Che nu l’intese fà mmanco uno strillo.

Disce Iddio: Morte scerta, ora incerta:
Chi er risico lo vò, ribbinitillo:
Omo a ccavallo sepportur’uperta.

22 gennaio 1832

Questa poesia è stata letta 316 volte